La Terapia delle Ulcere

L’ulcera venoso-linfatica o flebostatica o varicosa è una complicanza generalmente tardiva dell’insufficienza venosa ed è certamente una delle più invalidanti in quanto, oltre a provocare dolore (per fortuna non sempre presente), richiede settimane o mesi per risolversi.
 
Essa si manifesta quando la malattia ha compromesso la microcircolazione ad un livello non più sostenibile dai meccanismi di compenso e prevalgono la scarsa ossigenazione e l’accumulo di cataboliti tossici, cosicché i tessuti di rivestimento (la pelle), anche in seguito ad un banale trauma, esitano in una ferita che l’organismo, da solo,non è più in grado di riparare. 
 
L’ulcera, infatti, è per definizione una lesione della pelle e dei tessuti sottostanti che non tende alla guarigione spontanea in tempi ragionevolmente brevi (10-15 giorni); Se a questo aggiungiamo ,non di rado, gli incongrui interventi terapeutici effettuati da parte di personale non esperto ,si ha l'evoluzione verso la cosi detta ulcera "difficile" la cui guarigione richiede addirittura mesi o anni..
 
La cura dell’ulcera consiste non in una banale medicazione, come i più pensano, attuabile da qualsiasi figura  sanitaria (medico o infermiere) ma in una serie di atti tra loro coordinati, rivolti ad eliminarne le cause ed a favorirne l'evoluzione. Pertanto solo personale esperto in VULNOLOGIA può affrontare il problema, soprattutto nel caso di ulcere presenti da molti mesi.
L’impiego di medicazioni  cosiddette “avanzate” è subordinato alla loro approfondita conoscenza,e  l'alto costo giustificato in casi bene selezionati.In tutti i casi sarà associata la terapia compressiva (detta in passato elastoterapia) che è il vero motore della guarigione in quanto è la solo che contrasta le cause della formazione dell'ulcera.
Share by: