Le Finalità

La flebologia è la scienza che studia le disfunzioni del sistema venoso superficiale (varici), del sistema venoso profondo e delle loro complicanze; la proctologia è la scienza che studia le affezioni dell’ano e del retto.

 

Nello studio del dott. Stefano Martelli si trattano sia le malattie del sistema venoso e linfatico degli arti inferiori, sia quelle della regione retto-anale.

La situazione del paziente viene inquadrata attraverso un’esauriente chiacchierata per la raccolta della sua storia clinica, a cui fanno seguito un attento esame clinico e, successivamente, una valutazione strumentale; una volta definita la diagnosi, vengono prospettate le opportune terapie.

In caso di patologia proctologica, la collaborazione di una assistente fa sì che anche le pazienti che devono sottoporsi a visita si sentano a proprio agio.

Qualora si rendessero necessarie prestazioni chirurgiche, alcune di esse possono essere attuate in sede: lo studio è infatti dotato anche di una sala operatoria, dove è possibile effettuare interventi chirurgici ambulatoriali in un clima sereno e in assoluta sicurezza.

 

La struttura

Caratteristiche dello studio medico

struttura sanitaria

Lo studio in Firenze occupa l'intero secondo piano di un condominio, è dotato di parcheggio riservato per i clienti e di ascensore che consente di accedere direttamente all'interno dello studio.
E' dotato di una stanza per visite e medicazioni e di una sala per interventi chirurgici ambulatoriali ove si fa largo uso di materiale monouso altrimenti si impiega la sterilizzazione mediante autoclave.
Al fine di garantire la massima igiene dei locali l'accesso avviene mediante l'impiego di soprascarpe e/o di adeguato abbigliamento.
La dotazione di apparecchiature comprende 4 laser di diversa lunghezza d'onda, ecocolor doppler, defibrillatore, pulsiossimetro,oltre a bisturi elettrico e diatermocoagulatore temporizzato.
I tempi in sala d'aspetto, per accedere alla visita, sono brevi grazie alla personalizzazione del tempo da impiegare per ogni tipo di terapia, fatta salva la puntualità del paziente.

 

Share by: